domenica 23 febbraio 2020

Quanto mi costa non parlare di politica neanche oggi.
Nel giorno dell'inaugurazione del blog, però, vi avevo giurato che non l'avrei mai fatto, quindi manterrò la mia promessa.
Or dunque udite bene:
"Non allarmatevi, proteggete le vostre vie respiratorie e lavatevi spesso le mani.
Non uscite, chiudetevi in casa e rimanete in quarantena a guardare le ultime notizie.
Parlate poco, non stringete la mano a nessuno e, se la febbre arriva, non recatevi in ospedale ma fate subito il 112".
Immagino abbiate ascoltato tutto attentamente.
A questo punto avete fatto tutto: per evitare il contagio e non morire basta attenersi a poche dichiarazioni fatte da un esperto.
Ma davvero la favola a cui siamo stati abituati in questi giorni finisce così?
"C'era una volta" era il principio di ogni sguardo spalancato alle emozioni di un racconto che puntualmente finiva per "e vissero felici e contenti".
Oggi di certo non c'è più nulla; sembra che rimanere vivi sia già un miracolo, e le possibilità di trascorre questa domenica come le altre, sono state ridotte dalla paura e dal timore di un virus orientale incontrollabile.
Poteva essere evitato tutto questo?
Io non lo so e forse non lo saprò mai, ma di certo l'Apocalisse di queste ore non è arrivata dai barconi dei migranti, ma seduta in prima classe dentro un treno di disattenzioni.
Se la Cina ci ha omaggiato di una corona così pesante, cosa avrebbe regalato l'Africa all'occidente per finire di addobbare i suoi troni spersi e apparentemente incrollabili?
Facciamoci una Corona con una fetta di limone e ubriachiamoci senza pensare perché 
non ci resta che sperare di continuare a stare bene.





meraklidikos@gmail.com

8 commenti:

  1. Al di là di tutte le valutazioni.. politiche...sociologiche.. sanitarie..
    Quando avvengono questi eventi ci si rende conto che l umanità è un unica grande famiglia.. nel bene e nel male..
    Al di là di razze colori culture...
    Che anche un solo uomo fa la differenza...per il suo essere unico..per "diffondere" e contaminare di se stesso ..
    E nn solo di un virus cattivo ma anche di quelli esplosivi di vita .. (vedi Greta... tra i piccoli virus buoni del momento)...
    Sentiamoci unici e speciali...e guardiamo ora a chiunque ci passa accanto come unico e speciale...e nn solo per la sua potenziale carica virale ma per le storie e le ricchezze che porta dentro..

    RispondiElimina
  2. Hai perfettamente ragione.
    Anche se dissento sul fatto che a chi arriva sui barconi venga monitorato come si deve.
    🥰

    RispondiElimina
  3. Condivido perfettamente, infatti la riflessione verte proprio sul pensiero comune di entrambi.
    Le frontiere vanno monitorate, sempre; è assurdo immaginare che certe questioni non possano accadere se le politiche estere continueranno ad essere quelle fino ad ora adottate.
    Se la Cina ci ha donato una Corona, l'Africa rischierà di prendersi il trono intero: questo il messaggio che oggi deve aiutarci a riflettere...sul serio!

    RispondiElimina
  4. Condivido io mi sento più a rischio lo sai guido autobus e carico di tutto ad oggi nessuna disposizione non so che fare

    RispondiElimina
  5. Il nostro governo non è presente non è preparato...superficiale come sempre. NO COMMENT

    RispondiElimina
  6. Invece di bloccare i voli diretti sarebbe stato più utile mantenerli attivi per avere una tracciabilità ed una quarantena per tutti coloro che arrivavano ... Ma non parliamo di politica, bastava il buon senso.

    RispondiElimina
  7. Grazie a questo patetico allarmismo razzismo fascismo sono state abolite le minime regole di prevenzione per non emarginare nessuno, e siamo arrivati al nord Italia sotto stretta osservazione. Non sempre è la cosa più nobile tutelare la sensibilità degli animi..

    RispondiElimina
  8. Altro che contaminazione dall'animale all'uomo.
    Qui l'unica bestia immonda è proprio l'uomo, cioè quei maledetti assassini che hanno fatto diffondere il virus al di fuori dei laboratori di ricerca militari, dove è stato creato!.
    Guerrafondai, che mai si pentiranno, seminatori di distruzione e di morte!.

    RispondiElimina