mercoledì 5 febbraio 2020

C'è chi crede che il mondo possa essere rinnovabile, che apparenti convinzioni possano cambiare e che il risparmio energetico sia raggiungibile.
C'è chi snobba gli abitanti del minimalismo, chi sviluppa nuove idee per non ottenerlo e chi non ha nessuna intenzione di stravolgere le abitudini a cui è affezionato.
C'è chi viaggia coi mezzi pubblici, in bici o in monopattino, chi invece utilizza l'automobile, la motocicletta o il ciclomotore.
C'è chi era e rimarrà, chi è ma sta diventando e chi è già ma cerca dell'altro.
La consapevolezza passa dalla partenza prima di transitare oltre la linea d'arrivo; è una maratona difficile da terminare e bisogna prepararla minuziosamente per evitare di essere vittime di eventuali infortuni.
La consapevolezza bisogna custodirla gelosamente: non la si può abbandonare in un qualsivoglia anfratto.



meraklidikos@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento