lunedì 30 marzo 2020

Sapete qual è stata la più grande bugia che ci hanno raccontato dal dopoguerra ad oggi?
Una favola chiamata EUROPA.
Eravamo tutti a bocca aperta, incantati davanti ai cantastorie tedeschi che, pur non avendo mai pagato alcun debito di guerra, ci accarezzavano e ci coccolavano elogiando la pizza e gli spaghetti, armati di cetrioli e siluri pronti ad essere serviti come subdoli condimenti e bombardamenti economici.
Eccola qua l'EUROPA degli europeisti, quella che molti di voi ancora vogliono, quella che molti di voi ancora aspettano, quella che molti di voi ancora sognano.
Siete ammalati asintomatici di una epidemia economica che sta portando tutti, anti-europeisti compresi, alla disfatta totale, senza neppure passare dalla terapia intensiva.
Ci ritrovrremo seppelliti dentro Campi Santi vigilati dai tedeschi, e questo non sarà che un ritorno alla storia.
In Germania i lager sono sempre piaciuti, di concentramento o di distrazione, umana o economica, letale o terapeutica.
Parole forti? Non credo.
Non lo dico io, lo ha raccontato la storia e lo sta confermando la geografia.
Siete gli unici a non aver capito che se l'Italia continua a credere che per sopravvivere ha bisogno di questa EUROPA, l'EUROPA continuerà a deportare l'economia dei paesi orfani di questo complotto lontano da qui.
Ci ritroveremo allettati senza assistenza e moriremo ascoltando i festeggiamenti coi prosìt dei boccali di birra di quelli che ancora chiamate cugini.
Questo laboratorio infetto da corone al femminile, dovrà per forza insegnarvi qualcosa, e se neanche questa volta sarete in grado di far tesoro di quanto accadrà, non vi resterà che tenervi la vostra finta EUROPA.
Una cosa, però, da voi possiamo ancora pretenderla, e cioè quella che dovrete rimanere una volta tanto in silenzio, rispettando chi, al posto vostro, avrebbe deciso al contrario e volentieri di abbandonare questa nave guidata da una Germania ancora in debito col mondo intero.





meraklidikos@gmail.com

2 commenti:

  1. Mario Draghi...
    Ci vuole Lui! Una persona competente in materia di economia. E dobbiamo aspettare. Il grande passo va fatto in sordina e non nel caos. Creerebbe solo problemi ben più grossi.
    Aspettiamo che la "bestia silenziosa" vada a trovare anche coloro che vantano di far parte di questa grande, bella e sofisticata EUROPA!
    Aspettiamoli al varco, silenziosi e a braccia aperte, pronti a contagiarli con quello stesso falso spirito di condivisione che loro hanno avuto finora con noi .

    RispondiElimina
  2. Ci vuole una persona competente in materia di economia????e nn solo ci vogliono competenti e politici coraggiosi,che abbiano il coraggio di dire no .

    RispondiElimina