venerdì 13 marzo 2020

Questa guerra ci ha resi tutti GEMELLI eterozigoti, fratelli e sorelle della vita e figli di una terra VERGINE degli scenari a cui oggi assistiamo.
Viviamo ogni giorno il timore di rimanere vittime del morso di uno SCORPIONE velenoso, vinti dal peso di una BILANCIA ormai sfasata e persi dentro gli equilibri saltati di ogni storica certezza e di ogni vecchia convinzione.
Ci sentiamo PESCI fuor d'acqua, nonostante navighiamo nell'ACQUARIO delle nostre case chiuse.
Stiamo provando a difenderci da un CANCRO a forma di corona che come un ARIETE incorna chi prova ad attaccarlo.
Ognuno di noi ha il dovere di trasformarsi in SAGITTARIO, un essere mitologico che ha da sempre rappresentato una parte umana e razionale e l'altra istintiva e violenta, l'una per difendersi, l'altra per combattere.
Ogni LEONE è re della sua foresta, e per salvarci da questa boscaglia impervia, avremo bisogno del suo grande coraggio, magari con l'aggiunta di tanta forza pari a quella di un TORO: forza e 
coraggio, coraggio e forza!
Leggo che chi nasce sotto il segno del CAPRICORNO ha notevole tenacia ed ambizione nel provare a raggiungere i suoi obiettivi, unita a una discreta dose di riflessione ed autocontrollo.
Sapete quando si è manifestato per la prima volta il virus maledetto che ci sta cambiando la vita?
Nello stesso periodo dell'anno in cui sono nati gli uomini che portano questo segno.
Guerrieri: chiediamo pure aiuto alle stelle cadenti, ma vinciamo insieme a loro questa maledetta guerra.






meraklidikos@gmail.com

1 commento:

  1. Costellazioni appartenenti tutte ad uno stesso universo. Soggette a forze di attrazione e repulsione che mantengono l'equilibrio. Non tutti i perché hanno risposta nell'immediato. Non tutti i dove corrispondono ad un luogo preciso. Non sempre ciò che vogliamo è ciò che è giusto che sia. Inutile opporsi a queste leggi superiori, dogmi a cui non è possibile dare dimostrazione e spiegazione.
    Così come la magnificenza del creato si concretizza in tutto ciò che ci circonda, visibile e non visibile, così la violenza di ciò che viene perturbato si abbatte senza alcuna distinzione su tutto ciò che incontra.
    Il rispetto di tutto, dall' immensità dell'universo alla particella più piccola , vivente e non, è alla base di ogni rapporto.
    Rispettare per essere rispettati. Essere grati all'universo, a ciò che è sopra di noi, che ci permette di esistere!!!

    RispondiElimina